E' morto il capo della famiglia più numerosa al mondo: il caso

E’ morto il capo della famiglia più numerosa al mondo. Ziona Chana si è spento domenica nello stato indiano del Mizoram, a 76 anni, dopo alcune complicanze nel villaggio di Baktawng Tangram. Capo di una famiglia numerosissima e leader della setta religiosa cristiana Chana Pawl, che consente la poligamia agli uomini. Chana era una persona conosciuta proprio per l’alto numero di componenti della sua famiglia: 39 mogli, 94 figli, 33 nipoti e un bisnipote. La notizia è stata confermata dal primo ministro di Mizoram, Zoramthanga, che ha espresso le sue condoglianze su Twitter “con il cuore pesante”. Chana soffriva di diabete e ipertensione.

E’ morto Ziona Chana il capo della famiglia più numerosa al mondo

Chana e la sua famiglia rappresentano una sorta di attrazione locale che attira i turisti nel villaggio situato nel nord-est dell’India. La famiglia Chana era apparsa due volte nel popolare programma televisivo “Ripley’s Believe It or Not!” per sancire il primato. Il nucleo familiare da record vive sotto lo stesso tetto in una casa di quattro piani chiamata ‘Chuuar Than Run’ o New Generation House, con 100 stanze. Le sue mogli, stando al racconto dei media locali, condividerebbero un dormitorio vicino alla camera da letto privata di Chana. La prima consorte, di tre anni più grande di lui, l’ha incontrata quando aveva 17 anni.

Il caso

E’ difficile dire se Chana fosse davvero il capo della famiglia più numerosa del mondo poiché ci sono altre due persone che rivendicano il titolo, riferisce la Bbc, spiegando che è anche difficile stimare le dimensioni esatte della famiglia di Chana. Secondo quanto si legge da almeno un rapporto ufficiale, Chana aveva 39 mogli, 94 figli, 33 nipoti e un pronipote, per un totale di 181 persone. Secondo Zoramthaga, la famiglia allargata di Chana era composta invece da 38 mogli, 89 figli e 36 nipoti. La cosa certa è che la famiglia – di cui Chana era il leader – è il centro della setta di ispirazione cristiana “Chana Pawl”, fondata nel 1942 dal nonno, che conta circa duemila aderenti, tutti residenti nei dintorni della casa dei Chana.

Di Milena Sala

Sono nata a Modena, correva l'anno 1972, modenese da generazioni (e me ne vanto), ma ligure di adozione dal 2007. La mia Genova, un po' matrigna. Ti respinge, ma poi ti ama... Ho sempre sognato di fare la scrittrice: ero convinta che quel mestiere mi avrebbe portato a scoprire il mondo. Reporter di viaggi e inviata stampa, per vent’anni, esclusivamente sulla carta stampata, tra premi letterari e il profumo di qualche libro a mia firma. E poi? Un balzo sul digitale, nell'anno bisestile e, dulcis, al tempo del Coronavirus. Amante viscerale degli animali, della natura, del mare, dell’avventura, del viaggiare al di là dei confini del mappamondo per raccontare i veri luoghi e la vera vita della gente del mondo. Appassionata di comunicazione, letteratura di viaggio, sociale, cronaca di vita, fotografia, musica e libri. E di racconti, di storie, di tante storie da raccontare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *