Festa nazionale in Francia

Oggi, 14 luglio, la Francia celebra la sua Festa nazionale (è il giorno della presa della Bastiglia nel 1789). Nonostante la pandemia si svolgerà la classica parata militare sugli Champs-Elysées. Ma le misure sanitarie predisposte sono molto rigide. Solo diecimila gli spettatori autorizzati (tutti vaccinati). Un numero molto ridotto rispetto al 2019. Tutti avranno l’obbligo di indossare le mascherine. L’edizione del 2021 prevede la presenza di cinquemila partecipanti, tra cui 4.300 militari a piedi, 73 aerei, 24 elicotteri, 221 veicoli e 200 cavalli della guardia repubblicana. 

In Francia, ma non solo, si discute ancora della ricetta Macron per contrastare la temuta variante Delta, con l’obbligo del Green pass per frequentare bar e ristoranti (anche all’aperto), luoghi culturali (musei, teatri e cinema), viaggi a lunga percorrenza in treno e aereo, poter frequentare le palestre e le discoteche. Di fatto, il non obbligo-obbligo per garantirsi la “vita sociale” ha provocato una corsa alla vacccinazione: oltre un milione di persone si sono prenotate. E sull’esempio della Francia si stanno muovendo Paesi come l’Irlanda e la Grecia. In altri, misure analoghe erano già previste come in Danimarca con coronapas e in Portogallo. L’Italia ci sta pensando seriamente, nonostante il parere contrario di Fratelli d’Italia e Lega.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *