Bergamo – Il 21 gigno 2021 le porte del policlinico di Milano si apriranno per ricevere un paziente molto particolare: una mummia egiziana proveniente dal museo civico archeologico di Bergamo che dovrà essere sottoposta a TAC, tomografia computerizzata, ad analisi chimiche e fisiche per ricostruire la vita, la morte ed il processo di mummificazione ad essa collegati.

Le attività scientifiche sono legate al progetto “Una mummia da salvare” che tende ad aggiungere ulteriori particolari scientifici ad un periodo storico tra i più affascinanti e misteriosi di tutti i tempi.

La mummia sarà sottoposta alle indagini di ricostruzione forense, che consentiranno di risalire alle sembianze originali del volto che si cela sotto alla mummificazione.

Il reperto tornerà al suo posto, a Bergamo, in una struttura museale rinnovata ed aggiornata, anche tecnologicamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *