Nasce la rubrica "Misteri": il Mondo dei Tarocchi

Nasce la rubrica “Misteri”, ispirandosi ad una mia antica e intima passione, quella della divinazione e del magico Mondo dei Tarocchi e, dalla quale, tra il serio e il faceto, è nata l’idea, nel 2005, di pubblicare un libro (cit. Il Mondo dei Tarocchi, Milena Sala, Gruppo Sigem – Naturamente, Modena). Un racconto “su carta” che ne potesse testimoniare la vera anima attraverso la storia, il mistero, il gioco e la divinazione, appunto. Con lo stesso spirito di ricerca, ma un pizzico di coraggio in più, ve lo proponiamo, oggi, in digitale, come una sorta di “racconto” a puntate, cercando di incuriosirvi e sorprendervi, ogni volta un po’ di più e ….

Nasce la rubrica “Misteri”: il Mondo dei Tarocchi

Su cosa siano i Tarocchi o Arcani Maggiori si dice di tutto: molti pensano che leggano il futuro, altri lo vedono come un gioco, un semplice mazzo di carte, in particolare gli scettici e chi ne ha timore, ma i tarocchi sono simbolismo, numerologia, icone e archetipi che parlano attraverso i simboli. I tarocchi hanno origini molto remote e le loro immagini, apparentemente ingenue e ludiche, racchiudono una saggezza segreta così immensa da non poter essere espressa “solo” con le parole. Sì, perché occorre, prima di tutto, “sentire”…

Origini dei Tarocchi

Le origini dei Tarocchi sono avvolte nel mistero, anzi nei misteri. Diverse scuole di pensiero, del resto, cercano di capire dove siano nate, senza veramente riuscirci. Molti studiosi ritengono che siano nati in Cina nel XIII secolo prima dell’era comune, in quanto sono stati ritrovate fonti scritte che facevano riferimento all’utilizzo di mazzi di carte, come gioco e come strumento divinatorio.

Altri, però, sostengono che siano nati nel Medioevo. Esistono testimonianze scritte a proposito del gioco delle carte dichiarato fuorilegge in molti paesi come l’Inghilterra, la Spagna e la Francia. Infine, alcuni storici ritengono che siano stati portati in Europa, in particolare in Italia, Svizzera, Spagna e Francia, da gruppi di zingari provenienti dall’Egitto e approdati in Boemia. Secondo questi studiosi, pare, furono proprio i gitani ad utilizzare per primi le carte come un vero e proprio strumento divinatorio. 

Mistero dopo mistero, una cosa è certa sulle origini temporali dei Tarocchi: l’iconografia medievale dei mazzi di Tarocchi più classici riconduce al periodo del Medioevo.

L’interpretazione dei Tarocchi

Se ben interpretati i tarocchi possono essere una bussola saggia che illumina il nostro sentiero di vita. Molte persone utilizzano le immagini e i Tarocchi nel counseling e nel coaching, per sostenere il proprio processo immaginativo o quello dei loro clienti, in un utile intreccio tra emisfero destro – intuizione – e sinistro – con la riflessione che le domande richiedono e sollecitano.

Determinante, però, è saperli interrogare e saper comprenderne il responso. La divinazione, infatti, è un’arte che va appresa con molta umiltà e praticata con altrettanta coscienza e sensibilità. Ridurre la lettura dei Tarocchi ad una modalità di predizione del futuro equivale a svilirne il significato e lo spessore. E’ uno strumento che permette molto di più: di “vedere” l’evoluzione dell’Anima attraverso la loro simbologia.

Segreto e mistero 

La parola Arcano significa ‘Segreto’. Quindi gli Arcani Maggiori racchiudono i segreti maggiori, ovvero più importanti: sono i 22 trionfi  più noti del mazzo composto da 78 carte. Ogni carta racchiude un simbolismo inesauribile e si presta a una vita intera di riflessioni e approfondimenti.

Come per ogni forma di comunicazione, la cosa fondamentale quando si leggono i tarocchi è conoscere il loro significato. Ma, come per tutte le cose, solo grazie ad uno studio approfondito è possibile carpire i segreti celati dietro le carte. E, va detto, per quanto serie siano state le ricerche, i tarocchi ancora nascondono molti misteri, segreti e rivelazioni…

Andiamo alla scoperta di questo misterioso mondo magico delle carte dei tarocchi. Un viaggio alchemico, puntata dopo puntata, arcano dopo arcano e Oltre

Di Milena Sala

Sono nata a Modena, correva l'anno 1972, modenese da generazioni (e me ne vanto), ma ligure di adozione dal 2007. La mia Genova, un po' matrigna. Ti respinge, ma poi ti ama... Ho sempre sognato di fare la scrittrice: ero convinta che quel mestiere mi avrebbe portato a scoprire il mondo. Reporter di viaggi e inviata stampa, per vent’anni, esclusivamente sulla carta stampata, tra premi letterari e il profumo di qualche libro a mia firma. E poi? Un balzo sul digitale, nell'anno bisestile e, dulcis, al tempo del Coronavirus. Amante viscerale degli animali, della natura, del mare, dell’avventura, del viaggiare al di là dei confini del mappamondo per raccontare i veri luoghi e la vera vita della gente del mondo. Appassionata di comunicazione, letteratura di viaggio, sociale, cronaca di vita, fotografia, musica e libri. E di racconti, di storie, di tante storie da raccontare...

2 pensiero su “Nasce la rubrica “Misteri”: il Mondo dei Tarocchi”
  1. Ho letto con piacere l’articolo. L’argomento è trattato in modo intelligente senza mai scadere nel becero tentativo di imbonire. Se poi c’è ancora questa urgenza di farsi leggere i tarocchi è perché probabilmente abbiamo bisogno di sperare in un futuro migliore…senza mai farsi condizionare.

    1. Grazie Daniela, è un commento intelligente e aperto, e concordo. Perché si ricorre ai tarocchi? Cosa si cerca? Tra mistero e bisogno di “sapere”, per non sapere cercare altrove, alle volte, ma sempre con lucidità e senza farsi troppo condizionare.
      Grazie davvero, facciamo un po’ di strada, insieme, dunque, in questo viaggio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *