Ponte Morandi

Genova – la Procura della Repubblica di Genova chiude le indagini preliminari sul crollo del ponte Morandi di Genova. In queste ore la Guardia di finanza sta notificando gli avvisi di chiusura delle indagini agli indagati, che adesso avranno venti giorni di tempo per presentare atti difensivi o prove contrarie rispetto a quelle raccolte dalla pubblica accusa.

Quella fase procedurale è durata circa tre anni, considerato che il ponte crollò la mattina del 14 agosto 2018 e che nello stesso giorno la Procura di Genova aprì un fascicolo per risalire alle cause ed alle responsabilità dell’evento. Si contarono 43 vittime e centinaia di milioni di euro per i danni.

Sono stati conclusi due incidenti probatori, uno riguardante lo stato di salute del Morandi in generale e l’altro sulle cause effettive che ne determinarono il cedimento. Gli indagati sono 71, oltre alle società Aspi e Spea, coinvolte con i loro legali rappresentanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *