Napoli – Sottrae ambulanza della Croce Rossa per soccorrere un parente che ha avvertito un malore, ma viene intercettato ed arrestato. E’ accaduto a Napoli.

Sembra la scena di un film, ma è tutta realtà. Un signore avverte un malore in via Marina dei Gigli ed i parenti chiamano il 118 per la richiesta di soccorso. Un attimo dopo, temendo che l’ambulanza giungesse in ritardo, in sella allo scooter raggiungono la sede della Croce Rossa per chiedere di poter utilizzare l’ambulanza parcheggiata davanti agli uffici.

Minacce, urla, percosse ed infine la consegna delle chiavi del mezzo di soccorso da parte del malcapitato operatore sanitario. I due, uno alla guida dell’ambulanza e l’altro, al seguito, con lo scooter raggiungono via Marina, dove avevano lasciato il parente sofferente, ma non lo trovano più perché nel frattempo il personale del servizio 118 lo aveva prelevato per condurlo in ospedale.

I due abbandonano il mezzo e fuggono via, ma vengono intercettati ed arrestati dalla polizia, che si era messa sulle loro tracce grazie alle immagini catturate dall’impianto di videosorveglianza installato nella sede della Croce Rossa.

Dovranno rispondere di rapina in concorso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *