TikTok scatta il blocco immediato perchè?

Tik Tok, scatta il blocco immediato dell’uso dei dati. Il Garante per la protezione dei dati personali ha disposto nei confronti di Tik Tok, il social network cinese, “il blocco immediato dell’uso dei dati degli utenti per i quali non sia stata accertata con sicurezza l’età anagrafica” .

Tik Tok, scatta il blocco immediato: perchè?

Lo annuncia una nota dell’Autorità, che “ha deciso di intervenire in via d’urgenza a seguito della terribile vicenda della bambina di 10 anni di Palermo”. E, ancora, si legge “il Garante dispone il blocco del social”, senza mezzi termini. Il divieto durerà per il momento fino al 15 febbraio, data entro la quale il Garante si è riservato ulteriori valutazioni.

“La tecnologia permetterebbe di accertare l’età, ma TikTok non utilizza al momento questi strumenti: questo conferma la necessità di un blocco” – spiega Guido Scorza, componente del collegio del Garante. Altri social, come YouTube, riescono invece a verificare l’età degli utenti in base ai propri dati.

TikTok, il precedente

Il Garante, già a dicembre, aveva contestato a TikTok una serie di violazioni: scarsa attenzione alla tutela dei minori; facilità con la quale è aggirabile il divieto, previsto dalla stessa piattaforma, di iscriversi per i minori sotto i 13 anni; poca trasparenza e chiarezza nelle informazioni rese agli utenti; uso di impostazioni predefinite non rispettose della privacy.

Un primo, parziale adeguamento del social c’era stato a gennaio, in seguito al quale tutti i contenuti dei profili degli utenti minori di 16 anni non sono più visibili se non si è nella cerchia di amici. Inoltre, i video non si possono scaricare sul proprio telefono a meno che il minore in questione non lo consenta. “Così la piattaforma vuole rendere la fascia più giovane dei suoi utenti maggiormente consapevole sul tema della privacy online” – aveva comunicato il comunicato della compagnia cinese.

Queste misure non sono bastate, soprattutto dopo quanto accaduto a Palermo. Intanto, la stessa procura di Palermo, ha disposto l’autopsia sul corpo della bambina di 10 anni morta soffocata da una cintura stretta attorno al collo, probabilmente mentre partecipava a una assurda “sfida” molto in voga sul social Tik-Tok.

La scelta dei genitori della bimba morta soffocata 

I suoi organi, però, salveranno la vita a 4 bambini. “Abbiamo scelto di dire si alla donazione perché nostra figlia avrebbe detto ‘si, fatelo’. Era una bambina generosa. E visto che non possiamo averla più con noi, abbiamo ritenuto giusto aiutare altre persone”. Così, ancora sotto choc, i genitori della piccola Antonella raccontano la loro scelta.

Di Milena Sala

Sono nata a Modena, correva l'anno 1972, modenese da generazioni (e me ne vanto), ma ligure di adozione dal 2007. La mia Genova, un po' matrigna. Ti respinge, ma poi ti ama... Ho sempre sognato di fare la scrittrice: ero convinta che quel mestiere mi avrebbe portato a scoprire il mondo. Reporter di viaggi e inviata stampa, per vent’anni, esclusivamente sulla carta stampata, tra premi letterari e il profumo di qualche libro a mia firma. E poi? Un balzo sul digitale, nell'anno bisestile e, dulcis, al tempo del Coronavirus. Amante viscerale degli animali, della natura, del mare, dell’avventura, del viaggiare al di là dei confini del mappamondo per raccontare i veri luoghi e la vera vita della gente del mondo. Appassionata di comunicazione, letteratura di viaggio, sociale, cronaca di vita, fotografia, musica e libri. E di racconti, di storie, di tante storie da raccontare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *